vogliamo gratuitiEnterprise cloud hostingportali associandosi oppureGodaddy coupon new domainallapermetteMojo themes couponoffronoconsulenza
Search
Friday 17 November 2017
  • :
  • :

Consulenza legale: perché è sempre meglio chiedere a un professionista

La vendita di servizi online di carattere legale non è più una novità. Molti studi legali e altrettanti avvocati singoli, offrono questi servizi attraverso i propri siti web oppure associandosi a portali di dimensioni più ampie.

Quello che è certo è che è in crescente aumento la richiesta da parte dei clienti di servizi legali online a pagamento e gratuiti. Ma qui ci vogliamo porre una domanda che va al di là della modalità di erogazione del servizio, ovvero non è importante che la consulenza legale avvenga secondo il tradizionale face to face nello studio dell’avvocato o per via telematica. Il quesito che ci vogliamo porre è se tale prestazione può essere resa solo da avvocati oppure anche da chi non è iscritto in un albo professionale.

Attualmente non è necessario essere avvocati per prestare un servizio di consulenza legale così come non è richiesta l’iscrizione all’albo per le attività di assistenza stragiudiziale. Secondo quanto affermato dalla Corte di Cassazione (cfr. sent. 30 maggio 2006 n. 12840) si può prestare assistenza legale stragiudiziale anche senza essere iscritti all’Ordine professionale. Al di fuori di certi ambiti, le attività di assistenza e consulenza legale non possono considerarsi riservate agli iscritti agli albi professionali.

Seppure esista questa flessibilità disciplinata dalla legge per cui anche un non professionista può esercitare l’attività di consulenza legale, esiste un motivo non trascurabile per cui è preferibile affidarsi alla professionalità di avvocati regolarmente iscritti all’albo. Il motivo è che se ci si rivolge a un professionista si può stilare un contratto ove il cliente viene messo preventivamente nella condizione di sapere che il suo avvocato iscritto all’albo – diversamente da quello non iscritto – gli permette di estendere il mandato anche alle attività di tipo giudiziale o finalizzate all’esercizio dell’azione giudiziale o di assistenza in procedimenti arbitrali, alle quali l’avvocato non iscritto all’albo non potrebbe accedere. Questo permette di evitare di incorrere nel reato di esercizio abusivo della professione. Per avere una consulenza legale online ti consigliamo consulenzalegaleitalia.it.